ROCK CARVINGS
KNOTTNKINO³ - LUOGHI DI SOSTA
Verano / 2015 - 2019
Progettazione delle aree di sosta a Rotstein-Knott, Beimstein-Knott e Timpfler-Knott

I tre "Knottn" – insenature di roccia lisca di porfido rosso - emergono improvvisamente dal paesaggio di Verano e conferiscono all'area il suo carattere distintivo. Il sentiero circolare Knottnkino³ collega queste tre formazioni rocciose con nuove aree di sosta.

ROTSTEIN - KNOTT

Al Rotstein-Knott - nelle vicinanze del “Knottnkino”, progettato e realizzato dall'artista Franz Messner nel anno 2000 - incisioni circolari sul terreno creano una superficie piana ricavata nel porfido dotata di panca e schienale. I segmenti circolari si immergono nel paesaggio e si dissolvono nuovamente. Sulla superficie rimangono solo le tracce sotto forma di linee.
Una rete di linee è il punto di partenza per la rosa dei venti della designer Antoinette Bader. Un disegno rupestre inciso sulla superficie piana di porfido espande lo spazio meditativo e interfaccia contesto e intervento. L’incisione è simbolo della complessa interconnessione e del posizionamento del mondo e innesca un dialogo tra natura e intervento, tra passato e futuro.

BEIMSTEIN - KNOTT

Il Beimstein-Knott, direttamente sopra a Verano, colpisce per la sua ampiezza e per la sua magnifica vista. L'installazione "Attimo" realizzata secondo gli schizzi dell’artista Franz Messner, consiste nella disposizione di cinque sedute del tipo seggiovia storica lungo un percorso immaginario e audace direttamente sullo sperone roccioso. Con una vista spettacolare sul paese, l’installazione prosegue con la funivia di Verano e collega il paese lungo una ”Direttissima” con il Beimstein-Knott.

TIMPFLER - KNOTT

Il più basso dei tre Knottn - il Timpfler-Knott - ha un'atmosfera calma, quasi mistica. Incisioni circolari nella roccia trasformano il terreno e creano un luogo di riposo. Nonostante la sua incompletezza, il cerchio, simbolo di eternità, può essere percepito. Da lontano, il gioco tra luci e ombre rende visibile, come sottili linee di riferimento, i disegni intagliati nella roccia.
Una scultura di un lupo che sembra accidentalmente passare sullo sperone roccioso dell'artista Michael Fliri prende parte a questo luogo. È un'immagine in due sensi tra scultura e gioco di ombre. La simbiosi di due mani umane, quelle dell’artista, si trasforma nella silhouette di un lupo attraverso la proiezione dell’ombra. Le mani sono bloccate in un guanto, un costume, che rendono possibile solo questa posizione. I confini tra persona e animale svaniscono, vengono inscenate immagini teatrali, mistiche, arcaiche.

ARTISTI
Antoinette Bader
Franz Messner
Michael Fliri

REALIZAZZIONE
südtirol.stein
archplay

FOTO
Oliver Jaist
Messner Architects (documentazione cantiere)

COORDINATRICE PROGETTO
Ulrike Vent

COMMITTENZA
Comune di Verano

PUBBLICAZIONI
designboom.com 07/20/2019
disup.com 06/26/2019
gooood.con 07/17/2019
mooool.cm 07/23/2019
archiportale.com 07/24/2017
c3diz.net 09/27/2019

world-architects.com 11/08/2019

Merano Magazine Nr.02/2019

La direttiva europea 2009/136/CE (E-Privacy) regola l'utilizzo dei cookie, che vengono usati anche su questo sito! Acconsente continuando con la navigazione o facendo un clic su "OK". Ulteriori informazioni
OK